domenica, 3 Dicembre , 23

M.O., Israele accusa Hamas: donne a bambini ancora tra ostaggi

Immediata replica: “o non ci sono, o...

Lgbt, perquisiti gaybar e saune Mosca, chiude locale Pietroburgo

Il leggendario “Central Station”. L’app Pure prende...

Bce: rischi stabilità finanziaria saliti, recessione più probabile

AttualitàBce: rischi stabilità finanziaria saliti, recessione più probabile

Sfide su famiglie, imprese, conti pubblici banche e fondi

Roma, 16 nov. (askanews) – Indebolimento dell’economia assieme all’inflazione più alta, che spinge la banca centrale a inasprire le condizioni di finanziamento; riduzione delle liquidità di mercato che aumenta i rischi di “aggiustamenti dei prezzi disordinati, che potrebbero mettere alla prova la resilienza dei fondi di investimento”; supporto alle fasce più vulnerabili sui rincari dell’energia, che deve evitare di interferire con la normalizzazione della politica monetaria. Sono i tre capitoli identificati dalla Banca centrale europea nel suo ultimo Rapporto sulla stabilità finanziaria.

“La nostra valutazione è che i rischi sulla stabilità finanziaria siano aumentati, mentre nell’area euro è diventata più probabile una recensione tecnica”, afferma il vicepresidente della Bce, Lous de Guindos nell’editoriale dello studio. “Persone e imprese stanno già risentendo dell’impatto dell’alta inflazione e dell’indebolimento dell’attività”.

Secondo la Bce gli ultimi sviluppi stanno aumentando la vulnerabilità di imprese, famiglie e dei governi maggiormente indebitati. Aumentano anche le pressioni sui mercati finanziari che mettono alla prova i fondi di investimento. E tutte queste vulnerabilità “potrebbero innescarsi simultaneamente – osserva la Bce – potenzialmente rafforzandosi a vicenda”.

Lo studio non esclude un aumento delle insolvenze delle società se le prospettive economiche dovessero ulteriormente peggiorare, in particolare per i settori a maggior uso di energia. Intanto l’alta inflazione sta erodendo il potere di acquisto delle famiglie al tempo stesso riduce la loro capacità di ripagare le rate dei prestiti.

A fronte di questi due elementi “le banche potrebbero ritrovarsi con maggiori perdite sui crediti nel medio termine. Mentre di recente il settore bancario assistito a una ripresa della redditività con il rialzo dei tassi, vi sono crescenti segnali di un deterioramento della qualità degli attivi – prosegue la Bce – che potrebbero richiedere maggiori accantonamenti”.

Ad ogni modo complessivamente settore bancario dell’area euro viene giudicato ben posizionato per gestire “molti rischi”, in parte a seguito delle riforme regolamentari prudenziali dell’ultimo decennio.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles