More
    HomeAttualitàCop27, Rottigni (IntesaSp): attento sostegno all'Agribusiness

    Cop27, Rottigni (IntesaSp): attento sostegno all’Agribusiness

    Published on

    Ultimi Articoli

    Le prime pagine dei quotidiani di Giovedì 2 Febbraio 2023

    RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare...

    Turi (commercialisti): “Il settore nautico è un asset fondamentale per la ripresa economica della città”

    Presentato l’evento che si terrà il 15 febbraio alle ore 15,00 a cui parteciperanno...

    La Fed smorza ancora il passo alla stretta monetaria (tassi +25 pb)

    Powell prudente su quanto debbano salire ulteriormente fed funds Roma, 1 feb. (askanews) - Come...

    Ufo, donne iraniane e Ucraina nelle opere di Cristiano Pintaldi in mostra

    Alla 21Gallery a Treviso Roma, 1 feb. (askanews) - Dal primo febbraio 21Gallery presenta il...

    Intervento ad un panel della conferenza a Sharm el Sheik

    Roma, 12 nov. (askanews) – “La domanda globale di cibo aumenterà del 70% entro il 2050. Per soddisfarla saranno necessari almeno 80 miliardi di dollari di investimenti annuali. Secondo i rapporti statistici della FAO del 2020, con una popolazione mondiale di oltre 9,7 miliardi di persone prevista entro il 2050, 1 persona su 4 a livello globale (quindi quasi 2 miliardi di persone) è a rischio di carenza alimentare, 770 milioni di persone sono a rischio di denutrizione, mentre 1,5 miliardi di persone vivranno su un suolo con un contenuto salino troppo elevato per essere fertile”. Lo ha sottolineato Marco Elio Rottigni, Chief International Subsidiary Banks Division di Intesa Sanpaolo, intervenendo alla conferenza Cop27 a Sharm el Sheik, ad un panel sull’Agribusiness.

    “A livello mondiale, il settore agroalimentare contribuisce per circa il 4% al Pil e il 27% della forza lavoro è impiegata in questo settore. Secondo la Banca Mondiale, circa il 95% delle aziende agricole globali sono piccole aziende con meno di 5 ettari e la metà degli agricoltori non è dotata di servizi bancari”. In questo quadro “Intesa Sanpaolo si distingue decisamente per il suo forte impegno nell’ESG (Environmental, Social and Governance), il suo posizionamento ai vertici mondiali per l’impatto sociale ed il grande focus sul clima. L’attento e puntuale sostegno all’Agribusiness – ha rivendicato – ne è la testimonia caratterizzante”.

    “Siamo convinti che la nostra esperienza internazionale nei settori della Finanza Sostenibile e dell’Agro-Impresa possa accelerare il trasferimento di conoscenze verso un settore agricolo ecosostenibile, capitalizzando i talenti locali in Egitto, dove siamo presenti attraverso Alexbank. Il nostro approccio eco-friendly – ha detto Rottigni – basato su un solido patrimonio di competenze e strumenti, si riflette nell’operato della International Subsidiary Banks Division (ISBD) che dirigo. L’ISBD presidia le attività del Gruppo in 12 Paesi dell’Europa centro-orientale e del Nord Africa, con 21.000 colleghi, 7 milioni di clienti, circa 1.000 filiali e 65 miliardi di Euro di asset. Il Gruppo vanta inoltre una rete internazionale specializzata nel supporto alla clientela corporate in 25 Paesi, nelle aree in cui si registra il maggior dinamismo delle imprese italiane”.

    “Intesa Sanpaolo affronta i progetti agroalimentari in termini sia di opportunità di business sostenibili che di approccio olistico allo sviluppo sostenibile, riconoscendo il ruolo centrale dell’agricoltura. Vorrei sottolineare che, insieme all’Italia, l’Egitto è sicuramente il Paese che ci permette di valorizzare e arricchire fortemente la nostra esperienza nell’Agroalimentare. L’Egitto funge da naturale “ponte” di collegamento ai Paesi dell’Area Mediterranea, compresi i Balcani occidentali, assumendo un ruolo sempre più cruciale nell’Area. Il finanziamento dell’agrobusiness è stata costantemente una delle priorità di lunga data di ALEXBANK, confermando il suo pieno sostegno in particolare ai piccoli agricoltori. L’obiettivo è quello di fornire soluzioni finanziarie e non finanziarie innovative, in grado di supportare lo sviluppo economico integrato, l’inclusione finanziaria e la sostenibilità ambientale, per contribuire all’attuazione della ‘Vision 2030’ dell’Egitto e degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.” L’agricoltura è una delle componenti principali dell’economia egiziana in quanto contribuisce a circa l’11,3% del PIL del Paese nel 2021 (Banca Mondiale), al 28% dei posti di lavoro (USAID) e a oltre il 55% dell’occupazione nell’Alto Egitto (USAID)”.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Le prime pagine dei quotidiani di Giovedì 2 Febbraio 2023

    RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare...

    Turi (commercialisti): “Il settore nautico è un asset fondamentale per la ripresa economica della città”

    Presentato l’evento che si terrà il 15 febbraio alle ore 15,00 a cui parteciperanno...

    La Fed smorza ancora il passo alla stretta monetaria (tassi +25 pb)

    Powell prudente su quanto debbano salire ulteriormente fed funds Roma, 1 feb. (askanews) - Come...