More
    HomeAttualitàBce: divario di inflazione sui bassi redditi salito a massimi dal 2006

    Bce: divario di inflazione sui bassi redditi salito a massimi dal 2006

    Published on

    Ultimi Articoli

    A Canino torna la Sagra dell’olio, dall’8 all’11 dicembre

    La più antica d'Italia nella Tuscia in provincia di Viterbo Roma, 4 dic. (askanews) -...

    Ischia, prima ordinanza Legnini: individuati attuatori urgenze

    Coinvolti Comuni, Città metropolitana e Protezione civile Napoli, 3 dic. (askanews) - Il commissario straordinario...

    A piazza San Pietro l’albero di Natale che arriva dall’Abruzzo

    Liris dopo l'inaugurazione: "Bellissima giornata di riflessione" Pescara, 3 dic. (askanews) - "Una bellissima giornata...

    Musica, show mondiale della famiglia Bocelli il 4 dicembre su YouTube

    "A Bocelli Family Christmas", una favola e un concerto insieme Roma, 3 dic. (askanews) -...

    Quasi 2 punti percentuali sopra inflazione famiglie ad alto reddito
    Roma, 9 nov. (askanews) – Il divario di inflazione effettivamente vissuta dalle famiglie con i redditi più bassi nell’area euro, rispetto a quelle con i redditi più elevati, ha raggiunto quasi 2 punti percentuali, ai massimi dal 2006. Lo rileva la Banca centrale europea con uno studio ad hoc anticipato dal Bollettino economico, in cui viene misurato come i livelli di inflazione si stiano ripercuotendo in maniera differenziata sulle famiglie a seconda del reddito sulla base di due grandi misurazioni: primo, l’effettivo tasso di inflazione basato sulle differenze delle tipologie di spesa; secondo, la capacità di creare dei margini sui costi della vita tramite risparmio o finanziamenti. Secondo la Bce le famiglie a basso reddito stanno consumando una quota più ampia dei loro gettiti, risparmiano meno e si ritrovano in una condizione di maggiore restrizione sulle liquidità rispetto alle famiglie con redditi elevati. Per questo hanno meno margini di manovra tramite il risparmio. Lo studio spiega che nell’area euro le famiglie con redditi più bassi spendono una quota maggiore rispetto ai loro consumi totali su alimentari, elettricità, gas e riscaldamento, mentre la quota di spese è più ridotta su trasporti, intrattenimento, ristorazione e beni per la casa rispetto a quelle che sono le spese delle famiglie con redditi più alti. Guardando a questo specifico aspetto la differenza su quelli che la Bce chiama “tassi di inflazione effettivi” per le famiglie, a seconda della classe di reddito, è ai massimi dal 2006. Lo studio rileva che tra il 2011 e il novembre del 2021 questo divario è prevalentemente rimasto basso, fluttuando tra 0,25 e meno 0,25 punti percentuali. Poi è aumentato in maniera marcata da 0,1 punti percentuali di settembre 2021 a 1,9 punti percentuali a settembre 2022. continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    A Canino torna la Sagra dell’olio, dall’8 all’11 dicembre

    La più antica d'Italia nella Tuscia in provincia di Viterbo Roma, 4 dic. (askanews) -...

    Ischia, prima ordinanza Legnini: individuati attuatori urgenze

    Coinvolti Comuni, Città metropolitana e Protezione civile Napoli, 3 dic. (askanews) - Il commissario straordinario...

    A piazza San Pietro l’albero di Natale che arriva dall’Abruzzo

    Liris dopo l'inaugurazione: "Bellissima giornata di riflessione" Pescara, 3 dic. (askanews) - "Una bellissima giornata...