lunedì, 25 Settembre , 23

Ryder Cup, si aprono le porte del Marco Simone Golf Country Club

Alle 15.30 si inaugura il Media Centre...

E’ morto il boss Matteo Messina Denaro

Latitante per circa 30 anni, si è...

Migranti, Crosetto: da Germania mi aspetto collaborazione non polemica

Così il Ministro della Difesa rivolgendosi al...

Fame, atomica e clima: al corteo di Roma non solo solidarietà all’Ucraina

MondoFame, atomica e clima: al corteo di Roma non solo solidarietà all’Ucraina

ROMA – Oltre 100mila persone da tutta Italia si sono riversate ieri a Roma, un’onda festosa e colorata concorde nel chiedere la fine della guerra in Ucraina e maggiori sforzi dei governi e delle organizzazioni internazionali affinché si trovino soluzioni sostenibili anche per gli altri conflitti che affliggono il mondo. Un coro di anime diverse ha manifestato per gli ucraini e ricordato che nel mondo le sfide sono tante e crescenti.

Sindacati, associazioni per i diritti, organizzazioni laiche e religiose, centri culturali, federazioni sportive e movimenti studenteschi, ma anche comuni cittadini e rappresentanti di altri conflitti – gli iraniani, i palestinesi, i saharawi e gli afghani di etnia hazara. Tutti con la piattaforma Europe for peace per sollevare il tema della minaccia nucleare, chiedendo che l’Italia ratifichi il Trattato per la proibizione delle Armi nucleari, e si impegni per politiche più eque e giuste, in un mondo attraversato da crisi economiche, sanitarie ed energetiche.

Gli affamati aumentano – gli ultimi report parlano di oltre 800 milioni di persone – proprio a causa di guerre, shock economici e cambio climatico, e così anche i migranti. Questo proprio mentre nel Mediterraneo da giorni oltre mille naufraghi a bordo di tre navi delle ong attendevano il via libera da Roma per essere sbarcati, e alla vigilia della Cop27 in Egitto, contestata da alcuni attivisti in quanto il Paese arabo, essendo accusato di non osservare i diritti umani, sarebbe una location poco credibile per un evento così importante.

Anche questi i temi portati in piazza dal “popolo della pace”: ai microdono della Dire c’è chi ha chiesto di “non essere più succubi della Nato”, mentre vari giovani – in proporzione pochi rispetto agli over 40 – dicono basta al commercio delle armi che “alimentano guerre”.
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

L’articolo Fame, atomica e clima: al corteo di Roma non solo solidarietà all’Ucraina proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles