More
    HomePoliticaMeloni: “Sono fiera della norma anti-rave. Non negheremo diritto a esprimere dissenso”

    Meloni: “Sono fiera della norma anti-rave. Non negheremo diritto a esprimere dissenso”

    Published on

    Ultimi Articoli

    Casa, in Italia con 150mila euro si acquistano 186,7 mq

    Sono i risultati del report stilato da Reopla Roma, 5 dic. (askanews) - Negli ultimi...

    Cina, studenti inventano giacca che inganna videocamere sorveglianza

    E potrebbe essere prodotta a basso costo Roma, 5 dic. (askanews) - Un gruppo di...

    Orlando: in manifesto Pd impegno per democratizzazione economia

    Concentrazione ricchezze minaccia fiducia persone nell'equità sociale Roma, 5 dic. (askanews) - Andrea Orlando presenta...

    I ribelli etiopi annunciano il ritiro del 65% delle truppe dal nord

    ROMA – Oltre la metà delle truppe del Tigray si sono ritirate dal fronte...

    ROMA – “Ho letto diverse dichiarazioni da parte di esponenti dell’opposizione in merito alle misure prese in Consiglio dei ministri sui cosiddetti rave party abusivi. Innanzitutto vorrei dire che è una norma che rivendico e di cui vado fiera perché l’Italia – dopo anni di governi che hanno chinato la testa di fronte all’illegalità – non sarà più maglia nera in tema di sicurezza”. La presidente del Consiglio Giorgia Meloni lo scrive su Facebook rispondendo alle polemiche scatenate dalla norma che punisce con il carcere fino a sei anni organizzatori e partecipanti ai rave party.

    LEGGI ANCHE: Il viceministro Sisto: “La nuova norma deve colpire solo i rave party: escludere manifestazioni e occupazioni”

    “È giusto perseguire coloro che – spesso arrivati da tutta Europa – partecipano ai rave illegali nei quali vengono occupate abusivamente aree private o pubbliche, senza rispettare nessuna norma di sicurezza e, per di più, favorendo spaccio e uso di droghe”, prosegue Meloni.

    LEGGI ANCHE: Salvini a Mannoia: “Il decreto sui rave party non puzza. L’illegalità non verrà più tollerata”

    MELONI: “SUL DIRITTO A MANIFESTARE SOLO STRUMENTALIZZAZIONI”

    “Le strumentalizzazioni sul diritto a manifestare lasciano il tempo che trovano, ma vorrei rassicurare tutti i cittadini – qualora ce ne fosse bisogno – che non negheremo a nessuno di esprimere il dissenso”, aggiunge la premier. “A negarlo in passato, semmai, sono stati proprio coloro i quali oggi attaccano i provvedimenti del nostro esecutivo, difendendo di fatto chi invade terreni ed edifici altrui”, rimarca Meloni.

    Con le norme anti rave, secondo la presidente del Consiglio, “abbiamo dimostrato che se lo Stato c’è, può garantire ai cittadini di vivere in una nazione più sicura e che anche in passato si sarebbero potuti arginare episodi simili”. Meloni conclude con un rigranziamento alle “Forze dell’Ordine che hanno gestito in modo ordinato e in piena sicurezza lo sgombero del capannone a Modena”.

    LEGGI ANCHE: Decreto ‘anti rave’, Calenda a Meloni: “Una norma scritta a cavolo per fare la ‘dura’”

    NORDIO: “DIRITTI DI LIBERA ESPRESSIONE E RIUNIONE SONO SACROSANTI”

    “La norma tutela i beni giuridici dell’incolumità e della salute pubblica, nel momento in cui questi beni sono esposti ad un pericolo. Essa non incide, né potrebbe incidere minimamente sui sacrosanti diritti della libera espressione del pensiero e della libera riunione, quale che sia il numero dei partecipanti. La sua formulazione complessa è sottoposta al vaglio del Parlamento, al quale è devoluta la funzione di approvarla o modificarla secondo le sue intenzioni sovrane”. Così il ministro della Giustizia, Carlo Nordio.

    L’ITER DEL DECRETO ANTI-RAVE

    L’esame del decreto legge su riforma del processo penale, rave party e ergastolo ostativo inizia domani in Senato. Giovedì 3 novembre alle 15 l’Assemblea è convocata per la comunicazione, ai sensi dell’articolo 77, secondo comma, della Costituzione, della presentazione di un disegno di legge di conversione di decreto-legge e per comunicazioni del Presidente. Secondo quanto risulta si tratta appunto del primo decreto legge del nuovo esecutivo varato nel Consiglio dei ministri del 31 ottobre (‘Misure urgenti in materia di divieto di concessione dei benefici penitenziari nei confronti dei detenuti o internati che non collaborano con la giustizia, nonché in materia di entrata in vigore del decreto legislativo 10 ottobre 2022, n. 150, di obblighi di vaccinazione anti Sars-cov-2 e di prevenzione e contrasto dei raduni illegali’). La seduta dovrebbe essere, come si dice in gergo, un ‘apri e chiudi’, consistendo nella sola comunicazione della presentazione del ddl di conversione del dl.

    LEGGI ANCHE: Cgil: “Per il Rave di Ognissanti usato un elicottero della Polizia non sicuro”

    ANPI: “GOVERNO MELONI INIZIA CON ATTO ALLARMANTE”

    Sul tema interviene anche l’Associazione nazionale partigiani d’Italia, che in una nota spiega che “non giudica i governi dalla loro composizione, ma dai loro atti. Il governo Meloni inizia con un atto allarmante”.

    Per l’Anpi, “il decreto legge cosiddetto anti-rave, approvato nella prima seduta del Consiglio dei ministri, limita la libertà di manifestazione tutelata dall’articolo 17 della Costituzione. Non si tratta solo di una disposizione punitiva, per di più in modo abnorme, della naturale propensione giovanile all’aggregazione in particolare attorno a raduni musicali, che si possono regolare senza ricorre a modifiche del Codice penale. Ci si riferisce genericamente a ‘raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica’ tramite ‘invasione arbitraria di terreni o edifici altrui, pubblici o privati’”.

    Il comunicato dell’Associazione partigiani prosegue: “Rientrerebbero così in questa fattispecie di reato il presidio di un’azienda, l’occupazione di una scuola o di una università, o forse addirittura un sit-in o un corteo o addirittura le manifestazioni di festa sportiva o di altra natura. Chi lo decide? Il commissario di polizia? Il questore? Il Prefetto? Lo stesso ministro dell’Interno? C’è una gravissima ed intollerabile ambiguità che può far emergere una propensione autoritaria del Governo”, rimarca l’Anpi, che si dice “pronta ad assumere ogni iniziativa legittima a tutela della Costituzione e delle libertà dei cittadini, a cominciare dalla potenziale incostituzionalità del provvedimento in oggetto”.

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

    L’articolo Meloni: “Sono fiera della norma anti-rave. Non negheremo diritto a esprimere dissenso” proviene da Ragionieri e previdenza.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Casa, in Italia con 150mila euro si acquistano 186,7 mq

    Sono i risultati del report stilato da Reopla Roma, 5 dic. (askanews) - Negli ultimi...

    Cina, studenti inventano giacca che inganna videocamere sorveglianza

    E potrebbe essere prodotta a basso costo Roma, 5 dic. (askanews) - Un gruppo di...

    Orlando: in manifesto Pd impegno per democratizzazione economia

    Concentrazione ricchezze minaccia fiducia persone nell'equità sociale Roma, 5 dic. (askanews) - Andrea Orlando presenta...