More
    HomePoliticaCrisanti rinuncia allo stipendio da senatore: “Quello da medico è più alto”....

    Crisanti rinuncia allo stipendio da senatore: “Quello da medico è più alto”. Scoppia la polemica

    Published on

    Ultimi Articoli

    A Hong Kong leggi-zombie citano ancora sovranità regina Elisabetta

    Nell'ex colonia, dopo 25 anni, "decolonizzazione" ancora un problema Roma, 5 dic. (askanews) - La...

    Ambiente, Marzo (CUFAA): favoriamo lo sviluppo ma con sostenibilità

    "Italia paese ricco di bellezze, cio che è bello è fragile" Milano, 5 dic. (askanews)...

    Esce ‘Niente di sbagliato’ di ‘HotHeLL77’ contro violenza donne

    Brano di Giammarco Calosso, Matteo Pagnini, Marco Pisanò Roma, 5 dic. (askanews) - 'Niente di...

    Uefa presenta “Think Fast”, documentario in due episodi sul futsal

    Celebra le stelle della disciplina e offre filmati dietro le quinte Roma, 5 dic. (askanews)...

    ROMA – Andrea Crisanti, noto virologo, eletto al Senato nella circoscrizione estero nelle fila Pd, rinuncia allo stipendio da senatore per mantenere quello universitario. “È più vantaggioso dal punto di contributivo”, è la motivazione. Ma la scelta alimenta già polemiche, anche da parte anche di qualche suo collega.

    LA VERSIONE DI CRISANTI: “MI CONVIENE PER LA PENSIONE”

    Andrea Crisanti spiega che è stata una scelta dettata da una convenienza legata ai contributi previdenziali. “Ho deciso di mantenere la retribuzione che percepisco dall’Università di Padova, in qualità di direttore del laboratorio di Microbiologia e Virologia – dice il medico ricercatore come riportato da ‘Il Gazzettino’ – Non potendo ovviamente cumulare due buste paga sono stato chiamato a scegliere tra quella da senatore e quella da specialista. Ho optato per quest’ultima, per motivi contributivi. Mi conviene, è un compenso più alto. Non cambia molto come importo (un senatore percepisce mediamente tra gli 11 e i 14mila euro, con le indennità, ndr.), ma per la pensione conveniva, me l’hanno consigliato in Senato, è legittimo, lo fanno già i magistrati”.

    L’IRONIA DI BASSETTI: ANDRÒ A LAVORARE ALL’UNIVERSITÀ DI CRISANTI

    Tra i primi commenti arriva una ‘stoccata’ ironica da Matteo Bassetti, direttore della clinica malattia infettive dell’ospedale San Martino di Genova. Ospite di ‘Un Giorno da Pecora’, su Rai Radio1, gli viene riferito che Andrea Crisanti non accetterà lo stipendio da senatore preferendo quello da ricercatore, che è più alto. Bassetti osserva: “Questo mi fa piacere, vorrà dire che andrò a lavorare anche io all’Università di Padova, non pensavo fosse così alto lo stipendio…”.

    LA LEGA: STRANA MORALE, LETTA CHE DICE?

    Sul fronte politico il primo attacco arriva dalla Lega. Il responsabile Università Aurelio Tommasetti incalza: “Crisanti molli lo stipendio universitario. Molto opportunismo e poco buonsenso. Crisanti ha uno strano concetto delle istituzioni e, aggiungerei, della morale comune. Per lui, dunque, lo stipendio, comprensivo delle indennità assistenziali e dirigenziali è dovuto anche se il rapporto di lavoro cessa, seppur momentaneamente, soprattutto se il nuovo incarico, che è quello di parlamentare, comporta un emolumento minore (certamente non uno ‘stipendio da fame’). Una triste vicenda – continua Tommasetti – che dimostra l’arroganza di un potere conquistato grazie ai media (che hanno bisogno e creano continuamente star, in questo caso, una ‘virostar’), lo scarso senso delle istituzioni e un certo modo di gestire ma, soprattutto, usare la cosa pubblica che è proprio dell”aristocrazia’ di sinistra. Non ha nulla da obiettare Enrico Letta? È forse per questo che il Pd giudica l’amor di Patria della Destra un concetto retrogrado e reazionario?”.

    L’OSPEDALE DI PADOVA: NON PAGHEREMO NULLA SE NON LAVORA

    Visto il clamore suscitato dalla notizia, l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova, in una nota ufficiale precisa che “non verrà erogato alcun pagamento a fronte della mancata attività dirigenziale e assistenziale del Prof. Crisanti, dovuta alla recente elezione presso il Senato della Repubblica”. L’Ospedale spiega: “Il trattamento economico del docente in aspettativa è infatti dovuto dall’amministrazione di appartenenza, l’Università degli Studi di Padova; la quale Università riceve dall’Azienda ospedaliera (sulla base di una convenzione valida per tutti professionisti universitari impegnati nelle attività sanitarie nei reparti) una quota economica sulla base dei servizi effettivamente garantiti a favore dell’Azienda e di conseguenza dei pazienti. Nel caso di specie è chiaro che gli importanti impegni del Professore presso il Senato non possono prescindere da un’aspettativa dal lavoro precedente, configuratasi anche a norma di legge come aspettativa parlamentare: venendo meno l’impegno medico e professionale a favore dell’Azienda Ospedale Università di Padova, erogato si ripete tramite convenzione universitaria, si preclude di conseguenza ogni impegno economico da parte della stessa Azienda. Risorse che non solo la legge, ma anche l’opportunità e l’etica, vogliono impiegate nel retribuire coloro che garantiscono una effettiva attività per erogare servizi ai pazienti dell’ospedale padovano”.

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

    L’articolo Crisanti rinuncia allo stipendio da senatore: “Quello da medico è più alto”. Scoppia la polemica proviene da Ragionieri e previdenza.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    A Hong Kong leggi-zombie citano ancora sovranità regina Elisabetta

    Nell'ex colonia, dopo 25 anni, "decolonizzazione" ancora un problema Roma, 5 dic. (askanews) - La...

    Ambiente, Marzo (CUFAA): favoriamo lo sviluppo ma con sostenibilità

    "Italia paese ricco di bellezze, cio che è bello è fragile" Milano, 5 dic. (askanews)...

    Esce ‘Niente di sbagliato’ di ‘HotHeLL77’ contro violenza donne

    Brano di Giammarco Calosso, Matteo Pagnini, Marco Pisanò Roma, 5 dic. (askanews) - 'Niente di...