More
    HomePoliticaBonaccini: “Voglio un Pd popolare, ci deve capire anche chi è al...

    Bonaccini: “Voglio un Pd popolare, ci deve capire anche chi è al bar”

    Published on

    Ultimi Articoli

    Agrigento capitale cultura, S. Craxi: opportunità per Sicilia intera

    Ricco il programma di iniziative per il 2025 Roma, 1 apr. (askanews) – “La scelta...

    Un giardino incantato allestito al Mann con le opere di Danilo Ambrosino

    Fino al 1° maggio il MANN-Museo Archeologico Nazionale di Napoli, ospita “Un Tesoro di...

    Pd, Schlein: commissariamento Campania contro signori tessere

    ‘Affrontiamo i problemi a viso aperto: regole e trasparenza’ Milano, 1 apr. (askanews) – Il...

    Mariaconsiglia Calabrese è il presidente del neonato Ordine della professione sanitaria e fisioterapista di Salerno

    Mariaconsiglia Calabrese è il presidente del neonato Ordine della professione sanitaria e fisioterapista di...

    BOLOGNA – Un Pd “che non sia mai populista ma diventi magari un po’ più popolare”. Così lo immagina Stefano Bonaccini, pronto ad inserire lavoro e clima in cima alla sua piattaforma in caso di candidatura alla segreteria nazionale del Pd. Un programma di massima fatto di “pochi punti indispensabili, spiegati con un linguaggio che capisca anche chi è seduto al bar”, lo immagina Bonaccini, iera in diretta a Metropolis su Repubblica.it.

    LEGGI ANCHE: Bologna chiama Roma, proposta salva Pd: ticket Bonaccini – Schlein

    “CHI NON HO STUDIATO NELLE URNE CONTA COME CHI HA 3 LAUREE”

    Chi non ha potuto studiare, ricorda il presidente dell’Emilia-Romagna mettendo dunque in guardia da atteggiamenti elitari e snob, “vale quando va a votare come chi ha tre lauree”. Sul piano del merito, in ogni caso, “per chiunque si candidi alla segreteria del Pd lavoro e clima devono essere due dei pilastri, insieme a sanità e scuola pubblica, per essere protagonisti di una nuova stagione”. Poi, su quei pochi punti basilari, secondo Bonaccini bisognerà anche cercare intese col resto delle opposizioni, a cui chiedere di “mettere da parte egoismi” e lavorare insieme.

    LEGGI ANCHE: Pd, Nardella: “Congresso non può diventare regolamento dei conti”

    CONGRESSO A FEBBRAIO MARZO

    Per quanto riguarda i tempi del congresso Pd, Bonaccini ribadisce ancora una volta che occorre “fare in fretta”. Anche se, ammette il governatore dem, “credo che prima della fine dell’anno sia praticamente impossibile dal punto di vista organizzativo”. Dunque si andrà a febbraio-marzo, ma non oltre. Perchè “più tempo in là andiamo più rischiamo di non essere in sintonia con i tempi e i problemi dei cittadini normali”.

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

    L’articolo Bonaccini: “Voglio un Pd popolare, ci deve capire anche chi è al bar” proviene da Ragionieri e previdenza.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Agrigento capitale cultura, S. Craxi: opportunità per Sicilia intera

    Ricco il programma di iniziative per il 2025 Roma, 1 apr. (askanews) – “La scelta...

    Un giardino incantato allestito al Mann con le opere di Danilo Ambrosino

    Fino al 1° maggio il MANN-Museo Archeologico Nazionale di Napoli, ospita “Un Tesoro di...

    Pd, Schlein: commissariamento Campania contro signori tessere

    ‘Affrontiamo i problemi a viso aperto: regole e trasparenza’ Milano, 1 apr. (askanews) – Il...