sabato, 2 Dicembre , 23

Lgbt, perquisiti gaybar e saune Mosca, chiude locale Pietroburgo

Il leggendario “Central Station”. L’app Pure prende...

Sicilia, Schifani visita Osservatorio astronomico “Gal Hassin”

“Il telescopio Flyeye opera strategica per la...

Stop ai negoziati sugli ostaggi, le famiglie chiedono un incontro con Netanyahu

Dietrofront dei negoziatori israeliani in Qatar, richiamati Roma,...

Sala: fiduciso su nuovo San Siro, su Meazza si facciano avanti

AttualitàSala: fiduciso su nuovo San Siro, su Meazza si facciano avanti

Se interessati a prenderlo in gestione per almeno dieci anni
Milano, 21 ott. (askanews) – Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, si è detto “fiducioso” sul buon esito della procedura verso il via libera alla costruzione da parte di Inter e Milan di un nuovo stadio a San Siro e ha invitato eventuali soggetti interessati a prendere in gestione il Meazza per almeno dieci anni, evitando così la demolizione, a farsi avanti con un progetto preciso. “Io sono troppo abituato a affrontare le cose tecnicamente. La questione è che San Siro verrà utilizzato fino al 2027. Se chi è interessato mi fa una proposta, non mi manda una lettera generica, ma mi dice che ‘noi dal 2028 o dal 2038 lo prendiamo a queste condizioni’, allora se ne parla. Però è chiaro che non è che possiamo tenerlo aperto per tre anni. Bisogna fare un tema di programmazione e bisogna sapere che un contratto che si fa adesso entra in funzione nel 2028, quindi tempi lunghissimi. Ma se c’è un reale interesse, se ne parla” ha detto a margine della presentazione di una mostra a Palazzo Reale. “A questo punto sono senz’altro fiducioso” ha aggiunto sul nuovo impianto, sul quale è in corso il Dibattito pubblico. “Non è uno scherzo, è un procedimento normato a livello nazionale e quindi io penso che ne vengano fuori dei suggerimenti. Il dibattito pubblico non è uno scherzo e una perdita di tempo perché noi dovremmo, rispetto alle istanze che stanno venendo fuori perché i miei partecipano e so, o accoglierle o oppure se non le accogliamo spiegare il perché. Quindi è un lavoro molto tecnico, credo che anche dopo questo passaggio toccherà a noi, la Giunta dovrà dire bene si può andare avanti oppure no” ha continuato. Quanto al fatto che l’Inter sia in vendita per Sala non rischia di complicare la partita: “Probabilmente potrebbe anche da un certo punto di vista, ma dipende anche da chi l’acquista, dare maggior sicurezza per il futuro, nel senso che se fosse una proprietà solida, stabile ma in questo momento capisco le difficoltà di Zhang. Credo che poi alla fine lo si debba anche ringraziare, non lo dico da tifoso ma da sindaco, perché ha preso l’Inter in un momento difficile e ha messo tanto fondi. Però in questo momento se ha intenzione di vendere vuol dire che vede difficoltà in prospettiva, quindi potrebbe anche essere una buona cosa. Con ciò credo che Zhang fino ad oggi abbia comunque fatto il bene dell’Inter” ha concluso. continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles