More
    HomeMondo‘The African Youth’, immagini e parole oltre gli stereotipi

    ‘The African Youth’, immagini e parole oltre gli stereotipi

    Published on

    Ultimi Articoli

    Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 30 Novembre 2022

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente...

    Le storie degli attivisti uccisi rivivono con l’hashtag #IranUsa

    ROMA – Sarah Rezaei, studentessa afghana dell’università di Teheran scomparsa lo scorso 26 ottobre,...

    50 interpreti per “Il resto del mondo è un mistero”

    Per “Affabulazione”, mercoledì 30 novembre, all’Auditorium ISS Sannino-De Cillis L’opera in musica di Piero...

    Biglietti d’oro, “La stranezza” primo al botteghino

    “Spider-Man: No Way Home” il più visto in assoluto La premiazione domani sera a Sorrento...

    (Foto The African Youth/Akronos/Riccardo Venturi)

    ROMA – “Le immagini arrivano ancora prima delle parole e allora la fotografia ha una responsabilità sociale, contro visioni distorte o pietistiche” dice Mehret Tewolde. Vicepresidente dell’associazione Le Reseau, origini eritree e da una vita in Italia, parla dell’Africa e di come potrebbe essere raccontata superando stereotipi.

    IL FESTIVAL OTTOBRE AFRICANO ALLA LUISS

    L’occasione è un incontro alla Luiss Guido Carli, organizzato insieme con l’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) nel quadro del festival Ottobre africano. Si presenta ‘The African Youth’, progetto fotografico, testuale e multimediale curato dall’associazione culturale Akronos.Su “stereotipi” e “dignità”, quella che all’Africa dovrebbe non già essere data bensì riconosciuta anche attraverso il racconto dei media, Tewolde dialoga pure con Raffaele Marchetti, prorettore della Luiss con delega all’internazionalizzazione. “Il continente è al centro di varie progettualità dell’ateneo, dalle borse di studio alle collaborazioni che coinvolgono il mondo del privato” sottolinea il professore. “Lo sguardo verso sud è importante per il nostro processo di internazionalizzazione e, d’altra parte, è il nostro stesso destino a essere intrecciato con quello dei giovani africani”. Promosso da Aics con Enel Foundation, ‘The African Youth’ contiene immagini del fotografo Riccardo Venturi e testi del giornalista Lorenzo Colantoni. Parte del progetto video-reportage prodotti insieme con Arianna Massimi.

    “APERTURA MENTALE” E “PENSIERO CRITICO”

    A moderare la presentazione Emilio Ciarlo, responsabile comunicazione e relazioni istituzionali di Aics, che ringrazia la Luiss, “una bella collaborazione” evidenzia, e rende omaggio all’Ottobre africano, festival ideato da Le Reseau e giunto ormai alla ventesima edizione.

    (The African Youth/Riccardo Venturi)

    A celebrare la rassegna anche Francesco Maria Mazzù, professore di Digital & Marketing alla Luiss, promotore nell’ateneo del Programma diaspore insieme con l’associazione di Tewolde e del presidente Cleophas Adrien Dioma. Il docente parla di giovani, richiamando il titolo ‘The African Youth’, e poi di “apertura mentale” e “pensiero critico”. “Puntare sulle comunità di origine migrante valorizzando le opportunità di scambio e crescita”, annota, “è la scelta giusta”.
    ]]

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

    L’articolo ‘The African Youth’, immagini e parole oltre gli stereotipi proviene da Ragionieri e previdenza.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 30 Novembre 2022

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente...

    Le storie degli attivisti uccisi rivivono con l’hashtag #IranUsa

    ROMA – Sarah Rezaei, studentessa afghana dell’università di Teheran scomparsa lo scorso 26 ottobre,...

    50 interpreti per “Il resto del mondo è un mistero”

    Per “Affabulazione”, mercoledì 30 novembre, all’Auditorium ISS Sannino-De Cillis L’opera in musica di Piero...