More
    HomePrimo PianoAlle Gallerie degli Uffizi arriva il busto di Gaetano Berenstadt

    Alle Gallerie degli Uffizi arriva il busto di Gaetano Berenstadt

    Published on

    Ultimi Articoli

    Lombardia, M5s: Fontana e Moratti senza coraggio, basta logorio

    Stasera ennesima, indegna, pagliacciata del centrodestra lombardo Milano, 30 set. (askanews) - "Questa...

    Meloni si concentra su energia per ‘distrarsi’ da toto ministri

    Domani a Coldiretti, forse incontro con Cav., che ha visto Salvini Roma, 30...

    Ucraina: Conte: Kiev spinge a cobelligerenza, prevalga dialogo

    "Escalation preoccupante , strategia Nato-Ue ci espone a spirale fuori controllo Roma, 30...

    Ue, Metsola:l’Italia ha votato e la sua scelta va rispettata

    "Ho piena fiducia nella democrazia, Italia continuerà ad avere ruolo fondamentale in Europa" ...

    Lo realizzò l’artista settecentesco Giovacchino Fortini
    Roma, 23 set. (askanews) – Una fitta parrucca di capelli ricci a esaltare i lineamenti regolari del volto e una camicia ricamata con gigli fiorentini a sottolineare l’eleganza del personaggio: entra nella prestigiosa collezione di scultura della Galleria di Arte Moderna di Palazzo Pitti, grazie a una donazione del noto antiquario Giovanni Pratesi, l’imponente busto in marmo di Gaetano Berenstadt, realizzato dallo scultore settecentesco toscano Giovacchino Fortini. Il personaggio ritratto fu una personalità di spicco nel panorama musicale europeo del primo Settecento. Figlio di tedeschi trasferiti a Firenze, dove nacque nel 1687, Gaetano Berenstadt era un celebre castrato con la voce di contralto, collaboratore di Georg Friedrich Händel per cui interpretò varie opere. Accanto a una brillante carriera come cantante nelle corti europee, Berenstadt si distinse anche nell’ambito del commercio di opere d’arte (soprattutto sculture di Massimiliano Soldani Benzi, Giuseppe Broccetti e dello stesso Giovacchino Fortini). A identificare il personaggio ritratto nel busto è stato proprio Giovanni Pratesi, grazie a un minuzioso confronto della scultura con una medaglia dell’artista Lorenzo Maria Weber, anch’essa raffigurante il cantante fiorentino. L’attribuzione della statua a Giovacchino Fortini, spesso ricordato nei documenti come buon amico di Berenstadt, invece, è avvenuta solo nel 2008, grazie agli studi dello storico dell’arte Sandro Bellesi. Alla base dell’assegnazione, il confronto con opere certe o attribuite all’artista più o meno coeve e con il ritratto, sempre di Fortini, di Lodovico Fantoni, ospitato nella Badia Fiorentina e capolavoro assoluto dello scultore. continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Lombardia, M5s: Fontana e Moratti senza coraggio, basta logorio

    Stasera ennesima, indegna, pagliacciata del centrodestra lombardo Milano, 30 set. (askanews) - "Questa...

    Meloni si concentra su energia per ‘distrarsi’ da toto ministri

    Domani a Coldiretti, forse incontro con Cav., che ha visto Salvini Roma, 30...

    Ucraina: Conte: Kiev spinge a cobelligerenza, prevalga dialogo

    "Escalation preoccupante , strategia Nato-Ue ci espone a spirale fuori controllo Roma, 30...