More
    HomePrimo PianoFotografia del XX secolo e Icone d'arte: il 2023 di Pinault

    Fotografia del XX secolo e Icone d’arte: il 2023 di Pinault

    Published on

    Ultimi Articoli

    La pera nobile dell’Emilia Romagna è un nuovo Presidio Slow Food

    Prodotta tra Parma e Piacenza. Prime tracce sono della metà del '400 Milano,...

    Tra arte e poesia, monologo sulla libertà di ivan a San Lorenzo

    L'artista Ivan Tresoldi il 6 ottobre al Pastificio Cerere a Roma Roma, 5...

    Granarolo e CGBI uniti nel segno dell’economia circolare

    Per produrre energia pulita e fertilizzanti da sottoprodotti agricoli Roma, 5 ott. (askanews)...

    Grande successo per lo stand up comedian Luca Ravenna

    Molte date già sold out del Tour europeo 568 - Erasmus edition Milano,...

    Venezia, le nuove mostre di Palazzo Grassi e Punta della Dogana
    Milano, 20 set. (askanews) – Fotografie dall’archivio Condé Nast e una collettiva “iconica” dalla Collezione Pinault: Palazzo Grassi e Punta della Dogana hanno annunciato il proprio programma espositivo per il 2023: “Chronorama” e “Icones”. “CHRONORAMA. Tesori fotografici del XX secolo”, curata da Matthieu Humery e in programma dal 12 marzo 2023 al 7 gennaio 2024 a Palazzo Grassi, è la prima grande mostra dedicata alle grandi fotografie provenienti dagli archivi di Condé Nast, in parte recentemente acquisiti dalla Pinault Collection. La mostra riunisce oltre quattrocento opere che riportano in vita il XX secolo attraverso eventi, fenomeni sociali e personalità illustri che lo hanno segnato. Percorrendo il secolo dagli anni Dieci fino agli albori degli anni Ottanta, questa selezione presenta le opere di oltre 150 artisti internazionali come Edward Steichen, Berenice Abbott, Cecil Beaton, Lee Miller, André Kertész, Horst P. Horst, Diane Arbus, Irving Penn, Helmut Newton, tra i fotografi, Eduardo Garcia Benito, Helen Dryden e George Wolfe Plank, tra gli illustratori. Tra i più grandi talenti della loro generazione, questi artisti hanno definito l’estetica fotografica e artistica del tempo attraverso la pubblicazione del proprio lavoro sulle riviste edite da Condé Nast (Vogue, Vanity Fair, House & Garden, Glamour, GQ…). Il nucleo di immagini storiche in mostra è posto in dialogo con “Chronorama Redux”, un progetto che propone uno sguardo contemporaneo sulle opere di “CHRONORAMA” attraverso i lavori di quattro artisti: Tarrah Krajnak, Erik N. Mack, Giulia Andreani e Daniel Spivakov. Le opere saranno allestite in quattro spazi espositivi diversi di Palazzo Grassi come interludi che irrompono nel percorso cronologico della mostra principale. Rinnovare lo sguardo, esplorare il rapporto con il tempo e le immagini, trasmettere testimonianze del passato: questi sono i principi della Pinault Collection, che si incarnano perfettamente in questo primo progetto inedito attorno agli archivi Condé Nast. “Icones”, curata da Emma Lavigne e Bruno Racine, in programma dal 2 aprile al 26 novembre 2023 a Punta della Dogana, parte dal fatto che la parola “icona” ha due accezioni: la sua etimologia greca rimanda ai concetti di “immagine” e “somiglianza”, mentre il suo utilizzo generalmente si riferisce alla pittura religiosa, in tempi più recenti il termine è stato associato all’idea di modello, figura emblematica. L’immagine – la sua capacità di rappresentare una presenza, tra apparizione e sparizione, ombra e luce, di raffigurare uno spazio fisico e di generare un’emozione empatica con i visitatori – è al centro di questa mostra concepita per gli spazi espositivi di Punta della Dogana e il contesto veneziano nello specifico, costantemente arricchito dal dialogo senza fine tra Oriente e Occidente. L’icona – vettore del passaggio verso un altro mondo e altri stati di coscienza (contemplazione, meditazione) – riporta a una realtà trascendentale con il potere di attualizzare la presenza dell’invisibile, creando un’emozione o un abbagliamento estetico e spirituale. Queste sono le iconostasi, dispositivi che nascondono gli officianti del culto dietro un muro di immagini, come una porta verso il mondo divino. Sono opere che generano spazi come tante pause o luoghi di raccoglimento nell’era della saturazione di immagini e della loro appropriazione indebita. Dipinti viventi, riti e tutto ciò che fa dell’immagine uno spazio di relazione tra gli esseri umani e che li trascende. Citando Marie-José Mondzain che nella sua riflessione filosofica dedicata al cineasta russo Andrej Tarkovskij sottolinea come l’autore del film Andrej Rublëv, attraverso la sua poetica cinematografica: “Strappa l’icona dalla Chiesa e associa l’avventura dello sguardo alla costituzione di una nuova assemblea”. Le opere raccolte invitano attraverso l’esplorazione del significato stesso di immagine a una condivisione di ciò che è visibile. “Icones” è una mostra tematica che riunisce opere della Collezione Pinault realizzate dagli artisti Josef Albers, Maurizio Cattelan, Edith Dekyndt, David Hammons, Arthur Jafa, Donald Judd, On Kawara, James Lee Byars, Sherrie Levine, Agnes Martin, Paulo Nazareth, Camille Norment, Roman Opalka, Lygia Pape, Michel Parmentier, Philippe Parreno, Robert Ryman, Dayanita Singh, Rudolf Stingel, Danh Vo e Chen Zhen. Tra figurazione e astrazione, la mostra invoca tutte le sfaccettature dell’immagine nel contesto artistico – pittura, video, suono, istallazione, performance – attraverso una selezione di opere emblematiche della Collezione Pinault e di dialoghi inediti tra artisti che le sono particolarmente cari (David Hammons/Agnes Martin; Danh Vo/Rudolf Stingel; Sherrie Levine/On Kawara…). La mostra intende rappresentare sia la fragilità sia la potenza delle immagini e il loro carattere polisemico: le opere diventano apparizioni, illuminazioni, rivelazioni, fino alla trasfigurazione. continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    La pera nobile dell’Emilia Romagna è un nuovo Presidio Slow Food

    Prodotta tra Parma e Piacenza. Prime tracce sono della metà del '400 Milano,...

    Tra arte e poesia, monologo sulla libertà di ivan a San Lorenzo

    L'artista Ivan Tresoldi il 6 ottobre al Pastificio Cerere a Roma Roma, 5...

    Granarolo e CGBI uniti nel segno dell’economia circolare

    Per produrre energia pulita e fertilizzanti da sottoprodotti agricoli Roma, 5 ott. (askanews)...