More
    HomePoliticaCaro bollette, Salvini punzecchia gli alleati: “Berlusconi e Meloni su scostamento? Prudenza...

    Caro bollette, Salvini punzecchia gli alleati: “Berlusconi e Meloni su scostamento? Prudenza ‘de che?”

    Published on

    Ultimi Articoli

    Spazio, sonda Dart si è schiantata sull’asteroide Dimorphos

    Missione per verificare se è possibile deviare traiettoria asteroidi Roma, 27 set. (askanews)...

    Elezioni, Commissione Ue: lavoriamo con tutti i governi eletti

    Gentiloni: "E' prioritario realizzare impegni presi con il Pnrr" Bruxelles, 26 set. (askanews)...

    Fdi, day after di Meloni tra silenzio e testa già a governo

    Punta a stringere i tempi. Nodo Economia, si spera in Panetta Roma, 26...

    Mondiali, secondo successo per le azzurre: 3-0 a Porto Rico

    Vittoria non scontata per l'Italia che fatica oltre il dovuto Roma, 26 set....

    ROMA –  Sugli interventi per il caro bollette “cosa hanno fatto gli altri paesi? Hanno messo i soldi”, dunque “quello che chiediamo è di copiare gli altri paesi. Sono soldi a debito? Certo, ma meglio metterli oggi per far lavorare le persone e consentire loro di portare a casa la spesa e pagare le tasse”. Ma sullo scostamento di bilancio “Draghi dice no e Meloni e Berlusconi dicono ‘fermiamoci qui, ci vuole prudenza’, ma se uno chiude l’attività e le fabbriche lasciano adesso in cassa integrazione i dipendenti, prudenza ‘de che?’ Cosa facciamo, aspettiamo Natale?”. Matteo Salvini, segretario federale della Lega, lo dice su Rai Isoradio. Per prendere delle iniziative “si può aspettare il nuovo governo? No, sarà in carica fra un mese o due, e sarà troppo tardi”, avverte Salvini. “Se c’è una unione europea uno si aspetterebbe un intervento, ma siccome in Ue a qualcuno conviene se ne fregano dell’Italia”, denuncia il segretario federale della Lega. E rispetto ai dubbi se caricare il debito con uno scostamento da ulteriori 30 miliardi “se perdiamo un milione di posti di lavoro dobbiamo mettere 100 miliardi a debito per la disoccupazione, l’Aspi e il reddito di cittadinanza”, avverte infine Salvini. 

     SALVINI: DEBITO PER BOLLETTE SUBITO, SOLDI BOLLETTE O DISASTRO

    “Le bollette non sono un capriccio della Lega o di Salvini”, infatti “o si mettono 30 miliardi a debito adesso oppure si rischia il disastro”, dichiara il segretario federale della Lega, lo dice a Rho (Milano) arrivando al MICAM, salone internazionale del settore calzaturiero. “Spero che in questi ultimi giorni di campagna elettorale invece di passare il tempo a duellare, insultare, la Russia Ungheria, il fascismo, ci si occupi di bollette”, dice Salvini, e “la proposta della Lega è fare quello che stanno facendo tutti altri paesi europei, mettere i soldi necessari per bloccare gli aumenti delle bollette o salta un milione di posti di lavoro”.

     SALVINI: IERI DA LETTA IN DECINE, CON LEGA A PONTIDA IN CENTOMILA

    Ieri Pontida “con la Lega c’erano centomila persone, con Letta c’erano alcune decine di persone, assolutamente rispettabili perché i sindaci sono il cuore del nostro paese”, e “poi Letta sta facendo tutta la campagna sugli insulti, sulla Russia, sull’Ungheria, sul fascismo, sulla democrazia. Non mi sembra cosa utile, chi va a votare si farà la propria idea”, spiega Salvini a Isoradio.

    “Cosa vuol Letta in piazza a Monza con 500 sindaci: “Pontida diventa oggi provincia dell’Ungheria”dire ‘Pontida è una provincia dell’Ungheria’? Fa ridere? Il mio modello non è l’Ungheria o la Polonia, il mio modello è l’Italia”, attacca Salvini, “Letta che sghignazza parlando di Ungheria non si rende conto che c’è una strage di negozi, posti di lavoro”. Insomma, “ieri a Pontida è stata una bellissima giornata” con “decine di migliaia di persone da tutta Italia”, segnala il segretario federale della Lega, con “ragazze, ragazzi, uomini, camionisti, agricoltori, insegnanti dalla Sicilia, da Roma, da Treviso, da Firenze, dalla Sardegna” componendo “la più grande manifestazione di piazza, di popolo, di questa campagna elettorale”.  

    SALVINI: “SCUOLA, RIVEDERE VACANZE: NO 3 MESI ESTIVI, E PREZZO LIBRI”

    “Lavoriamo a un abbassamento del costo dei libri scuola”, anche perché “alcuni editori cambiano una riga e poi sono 40 euro in più, e “poi occorre rivedere il tempo scuola”, prosegue Salvini- “In altri paesi, non c’è la pausa estiva, non ci sono tre mesi di vacanze, ma sono scaglionate nel corso dell’anno, permettendo a studenti e insegnanti di rifiatare”, dice Salvini. Sulla scuola, comunque, “mi sono imbizzarrito, e uso un termine educato, sulla mancanza di insegnanti di sostegno”, rileva il segretario federale della Lega, perché all’avvio dell’anno scolastico “tanti bimbi disabili sono rimasti senza scuola perché mancano”. 

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

    L’articolo Caro bollette, Salvini punzecchia gli alleati: “Berlusconi e Meloni su scostamento? Prudenza ‘de che?” proviene da Ragionieri e previdenza.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Spazio, sonda Dart si è schiantata sull’asteroide Dimorphos

    Missione per verificare se è possibile deviare traiettoria asteroidi Roma, 27 set. (askanews)...

    Elezioni, Commissione Ue: lavoriamo con tutti i governi eletti

    Gentiloni: "E' prioritario realizzare impegni presi con il Pnrr" Bruxelles, 26 set. (askanews)...

    Fdi, day after di Meloni tra silenzio e testa già a governo

    Punta a stringere i tempi. Nodo Economia, si spera in Panetta Roma, 26...