More
    HomeMondoPure i “ghepardi” del Benin nella tana delle nazionali africane

    Pure i “ghepardi” del Benin nella tana delle nazionali africane

    Published on

    Ultimi Articoli

    Lombardia, M5s: Fontana e Moratti senza coraggio, basta logorio

    Stasera ennesima, indegna, pagliacciata del centrodestra lombardo Milano, 30 set. (askanews) - "Questa...

    Meloni si concentra su energia per ‘distrarsi’ da toto ministri

    Domani a Coldiretti, forse incontro con Cav., che ha visto Salvini Roma, 30...

    Ucraina: Conte: Kiev spinge a cobelligerenza, prevalga dialogo

    "Escalation preoccupante , strategia Nato-Ue ci espone a spirale fuori controllo Roma, 30...

    Ue, Metsola:l’Italia ha votato e la sua scelta va rispettata

    "Ho piena fiducia nella democrazia, Italia continuerà ad avere ruolo fondamentale in Europa" ...

    (Foto dal profilo Twitter della Fédération Béninoise de Football)

    ROMA – Dopo pantere, licaoni, stalloni e leoni indomabili scendono in campo i ghepardi. Sono i calciatori della nazionale del Benin, che d’ora in poi non si chiameranno piu’ scoiattoli ma avranno “un nome evocativo e rispettabile”, ha annunciato il presidente federale Mathurin de Chacus.

    SCARTATO IL PITONE, CHE PURE NEL PAESE HA UN TEMPIO DEDICATO

    Pare che la scelta non sia stata facile. Ci sarebbero voluti circa 14 anni, passando per un “comitato per il cambiamento del nome della nazionale” e “un’ampia consultazione”. Scartato a malincuore il pitone, che in Benin è così rispettato e temuto da avere un tempio dedicato, si è optato per l’animale terrestre piu’ veloce di tutti, con falcate da otto metri l’una, capace di scattare a 112 chilometri orari. Quel che serve al piccolo Benin per infilarsi nella tana delle nazionali africane, popolata da elefanti, volpi del deserto, zebre, generiche “bestie feroci” (Repubblica Centrafricana) e persino dodo (quelli di Mauritius, anche se la specie è estinta).La mancata qualificazione ai Mondiali del Qatar non è però l’unico problema del Paese. Nelle regioni del nord si sono intensificate le incursioni di gruppi jihadisti provenienti dalle regioni aride del Sahel, almeno 20 dirette contro postazioni della polizia e dell’esercito solo nel 2021. Il capo di Stato Patrice Talon ha chiesto al suo omologo francese Emmanuel Macron, in visita nella capitale Cotonou a luglio, l’invio di droni e altri equipaggiamenti militari.

    ]]

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

    L’articolo Pure i “ghepardi” del Benin nella tana delle nazionali africane proviene da Ragionieri e previdenza.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Lombardia, M5s: Fontana e Moratti senza coraggio, basta logorio

    Stasera ennesima, indegna, pagliacciata del centrodestra lombardo Milano, 30 set. (askanews) - "Questa...

    Meloni si concentra su energia per ‘distrarsi’ da toto ministri

    Domani a Coldiretti, forse incontro con Cav., che ha visto Salvini Roma, 30...

    Ucraina: Conte: Kiev spinge a cobelligerenza, prevalga dialogo

    "Escalation preoccupante , strategia Nato-Ue ci espone a spirale fuori controllo Roma, 30...