More
    HomeMondoL’Ue vuole chiudere i mercati ai prodotti frutto di lavoro forzato

    L’Ue vuole chiudere i mercati ai prodotti frutto di lavoro forzato

    Published on

    Ultimi Articoli

    Le prime pagine dei quotidiani di Venerdì 3 Febbraio 2023

    RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare...

    Dentro Arte Fiera: tra design di recupero e maestri del Novecento

    Incontro con l'architetto Cucinella e la galleria Mazzoleni Bologna, 2 feb. (askanews) - Sostenibilità e...

    Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

    Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci...

    Cospito, Meloni: 41 bis non dipende da me ma lo Stato non tratta

    "Cospito già graziato nel 1991, poi è andato a sparare..." Milano, 2 feb. (askanews) -...

    Dal nostro inviato, Alessio Pisanò

    STRASBURGO – La Commissione Europea ha presentato una proposta per escludere dal mercato europeo tutti i prodotti realizzati attraverso forme di lavoro forzato. “Questa proposta farà la differenza nel contrastare la schiavitù moderna: il nostro obiettivo è eliminare dal mercato Ue tutti i prodotti derivanti da lavoro forzato, indipendentemente dal luogo di provenienza”, ha affermato il commissario Ue al Commercio Valdis Dombrovskis.

    Saranno autorità doganali degli Stati membri le responsabili dell’applicazione delle norme alle frontiere dell’Ue. Per rintracciare i mercati o le catene di produzione che si servono del lavoro forzato queste ultime potranno servirsi dei contributi della società civile, di una banca dati dei rischi di lavoro forzato incentrata su specifici prodotti e aree geografiche e degli obblighi di diligenza a carico delle imprese.

    Lo strumento proposto dalla Commissione prevede che le autorità nazionali degli Stati Membri abbiano facoltà di ritirare dal mercato prodotti a seguito di un’investigazione. Nell’applicazione della misura la Commissione propone di usare un approccio proporzionale: le autorità doganali dovranno tenere in considerazione le dimensioni e le risorse delle aziende interessate e l’entità del rischio di lavoro forzato. La proposta sarà discussa e votata dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Ue.
    ]]

    Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

    L’articolo L’Ue vuole chiudere i mercati ai prodotti frutto di lavoro forzato proviene da Ragionieri e previdenza.

    continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Le prime pagine dei quotidiani di Venerdì 3 Febbraio 2023

    RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare...

    Dentro Arte Fiera: tra design di recupero e maestri del Novecento

    Incontro con l'architetto Cucinella e la galleria Mazzoleni Bologna, 2 feb. (askanews) - Sostenibilità e...

    Don Davide Banzato: Un Mondo non umano. Un perdono che sembra ingiusto

    Riflessione del sacerdote di Nuovi Orizzonti: Dalla morte di Thomas ad Alatri alle atroci...