More
    HomePrimo Piano##UniCredit, Orcel: forti rendimenti agli azionisti con II tranche buyback

    ##UniCredit, Orcel: forti rendimenti agli azionisti con II tranche buyback

    Published on

    Ultimi Articoli

    Le prime pagine dei quotidiani di Venerdì 7 Ottobre 2022

    RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare...

    A Gigi D’Alessio premio Napoli città della musica: sono onorato

    Sindaco Manfredi: riconoscimento assolutamente meritato Napoli, 6 ott. (askanews) - Gigi D'Alessio ha...

    Turismo, 100mila persone in vacanza: i dati di Tantosvago

    Fatturato di 25 milioni di euro, con la soluzione Sva.GO Roma, 6 ott....

    Italia propone tetto “dinamico” su gas,a Praga la Ue lavora a intesa

    Draghi avverte: "Affrontiamo crisi insieme o perdiamo unità europea" Praga, 6 ott. (askanews)...

    Abbiamo fondamenta finanziarie e strategiche molto solide
    Milano, 14 set. (askanews) – Dopo l’ok della Bce a fine agosto, con il via libera pressochè unanime da parte degli azionisti riuniti questa mattina mattina in assemblea a Milano, di nuovo in presenza per la prima volta da aprile 2019, il programma di Share Buy Back (SBB) di UniCredit 2021 si completa con una seconda tranche da 1 miliardo di euro. L’approvazione era necessaria per consentire di completare il programma per la parte rimanente (pari appunto a 1 mld), in quanto l’ammontare delle azioni per le quali l’assemblea degli azionisti dell’8 aprile 2022 aveva autorizzato l’acquisto non era sufficiente, considerando l’evoluzione del prezzo delle azioni UniCredit dovuta al contesto macroeconomico e geopolitico. “Portando il totale buyback del 2021 a un importo di circa 2,6 miliardi di euro, UniCredit raggiungerà l’obiettivo di garantire una maggior remunerazione agli azionisti”, ha spiegato l’Ad Andrea Orcel. “Il positivo completamento dei programmi 2021 di distribuzione agli azionisti rappresenta un ulteriore passo verso la realizzazione della nostra strategia ‘UniCredit Unlocked’ e delle nostre ambizioni finanziarie, generando forti rendimenti e creazione di valore per gli azionisti”, ha sottolineato Orcel. E gli azionisti ne hanno ben convenuto, dato che il 99,34% del capitale presente in assemblea (63,99% del capitale totale) si è espresso a favore della delibera. Con il disco verde dell’assemblea, ha illustrato Orcel, l’esecuzione della seconda tranche del buyback porterà “la distribuzione totale del 2021, quindi dividendo più riacquisto di azioni proprie, a 3,75 miliardi di euro, mantenendo il nostro impegno di remunerazione nei confronti degli azionisti e sottolineando ancora una volta la forza del nostro modello operativo ad alta generazione organica di capitale, che consente distribuzioni sostenibili ed attrattive mantenendo coefficienti patrimoniali solidi e appropriati”. “Permettetemi di ricordarvi – ha aggiunto l’Ad – che nel corso di quest’anno il nostro slancio commerciale ed i progressi che stiamo compiendo nell’esecuzione della nostra strategia UniCredit Unlocked ci hanno permesso di ottenere nel primo semestre i migliori risultati degli ultimi dieci anni almeno, con una crescita redditizia in tutte le nostre divisioni, di completare la prima tranche 2021 di riacquisto azioni proprie per 1,6 miliardi, accantonare 0,9 miliardi di dividendi sui nostri risultati del primo semestre 2022 e di aumentare il nostro Cet 1 ratio al 15,7% al secondo trimestre 2022, tra i migliori del settore. Abbiamo delle fondamenta finanziarie e strategiche molto solide”, ha sottolineato. Successi rimarcati anche dal presidente Piercarlo Padoan, il quale ha tra l’altro rilevato che il riposizionamento delle attività italiane del gruppo sotto la guida diretta dell’amministratore delegato “sta già iniziando a produrre risultati tangibili”. L’operazione prevede un esborso complessivo fino a massimi 999,954 milioni di euro e, in ogni caso, per acquisti complessivi non superiore a 200 milioni di azioni (comprese le 52.814.279 già autorizzate dall’assemblea dei soci dell’8 aprile 2022). Gli acquisti di azioni proprie potranno essere effettuati entro la prima tra: la data che cadrà dopo 18 mesi a decorrere dall’8 aprile 2022 e la data dell’assemblea che sarà chiamata ad approvare il bilancio dell’esercizio 2022. Il prezzo sarà individuato di volta in volta, nel rispetto delle norme, fermo restando non potrà discostarsi in diminuzione o in aumento di oltre il 10% rispetto al prezzo ufficiale che il titolo UniCredit avrà registrato in Borsa nella seduta del giorno precedente al compimento di ogni singola operazione di acquisto. L’assemblea ha approvato anche, con l’ok del 99,74% del capitale presente, l’annullamento delle azioni UniCredit che verranno eventualmente acquistate e la relativa delega al cda. continua a leggere sul sito di riferimento

    Radio Kiss Kiss Radio Kiss Kiss
    Country: Italy
    Radio Monte Carlo Radio Monte Carlo
    Country: Italy
    Radio Rai 1 Radio Rai 1
    Country: Italy
    Radio Rai 2 Radio Rai 2
    Country: Italy
    Radio Rai 3 Radio Rai 3
    Country: Italy
    RDS RDS
    Country: Italy
    RTL RTL
    Country: Italy

    Altri Articoli

    Le prime pagine dei quotidiani di Venerdì 7 Ottobre 2022

    RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare...

    A Gigi D’Alessio premio Napoli città della musica: sono onorato

    Sindaco Manfredi: riconoscimento assolutamente meritato Napoli, 6 ott. (askanews) - Gigi D'Alessio ha...

    Turismo, 100mila persone in vacanza: i dati di Tantosvago

    Fatturato di 25 milioni di euro, con la soluzione Sva.GO Roma, 6 ott....