ROMA – I lavoratori del settore privato dovranno continuare a indossare la mascherina? Giovedì 30 giugno è il giorno dell’incontro tra le parti sociali per stabilire come e se aggiornare il protocollo di sicurezza anti-Covid, che risale ad aprile 2021. A maggio, dopo che nel settore pubblico era stato stabilito di passare dall’obbligo alla raccomandazione, una riunione tra le parti sociali, l’Inail, i ministeri del Lavoro, Salute e dello Sviluppo economico aveva deciso di mantenere l’obbligo per il privato.

LEGGI ANCHE: Covid, Magi: “A metà agosto possibile picco legato alla nuova ondata”

Adesso, però, le cose potrebbero cambiare. “Sulle mascherine al lavoro la posizione del Governo sarà sempre la solita, cioè per noi rimarrà una forte raccomandazione – ha spiegato il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, a Radio 24 -. Poi saranno le associazioni datoriali e i sindacati a valutare se nel rinnovare i protocolli si dovrà proseguire con l’utilizzo della mascherina. Ma per quanto riguarda la normativa del Governo non ci sarà alcuna modifica e si parlerà sempre di forte raccomandazione”.

LEGGI ANCHE: Covid, il sottosegretario alla Salute Costa: “I positivi asintomatici devono poter uscire di casa, con la mascherina”

Il recente aumento dei contagi, però, potrebbe far propendere per una proroga dell’obbligo di mascherina sul posto di lavoro, magari solo per chi lavora a contatto con il pubblico o per i luoghi in cui è impossibile mantenere il distanziamento tra i lavoratori. Nelle altre circostanze, si potrebbe andare verso la “forte raccomandazione” espressa dal Governo. Sarà il tavolo tra le associazioni datoriali e i sindacati a dirimere la questione e a stabilire le nuove regole del protocollo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Mascherine al lavoro, il Governo sulla linea della “forte raccomandazione” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

fonte notizia:: https://www.ragionierieprevidenza.it/?p=74844