Durante la pandemia numerosi sono stati gli aiuti e i gesti di solidarietà per i cittadini e le famiglie maggiormente colpite dal covid; ritorna nel 2020 un’iniziativa solidale, creata già nel 2019 e nata a Milano, che prevede una raccolta di denaro che verrà successivamente ‘mutato’ in panettoni: il panettone sospeso. Ad aderire all’iniziativa quest’anno 14 pasticcerie milanesi (3 in più rispetto al 2019) tra le quali spicca quella dello chef Carlo Cracco aggiuntasi da poco, le quali andranno in porto con questo progetto tra il 7 e il 22 dicembre 2020.

Il panettone sospeso vuole ispirarsi chiaramente ad una famosissima tradizione partenopea nata dopo la Seconda Guerra Mondiale: il caffè sospeso; inoltre per ogni panettone lasciato in ‘sospeso’ la pasticceria ne aggiungerà un altro così da raddoppiare la donazione, basterà acquistare un panettone presso le pasticcerie aderenti e lasciarlo già pagato, verrà poi donato a chi non può permetterselo.

Gli ideatori e  fondatori di questa associazione senza scopo di lucro, Gloria Ceresa e Stefano Citterio, nel 2019 sono riusciti a raccogliere ben 1644 panettoni che sono stati donati a Pane quotidiano Onlus e consegnati prima di Natale. Anche quest’anno saranno consegnati prima del 25 dicembre per regalare, con un piccolo gesto, un sorriso a chi ne ha più bisogno; la raccolta solidale scelta per questo 2020 andrà a favore di Casa Jannacci, la casa dell’Accoglienza del Comune di Milano.

Giulia Di Giovanni