ROMA – “Occorre contare in maniera diversa i casi Covid ricoverati in ospedale, dividendo tra i casi di Covid (chi ha la polmonite o altri effetti infettivi del virus) e chi è in ospedale per altra ragione, come per esempio un problema ortopedico e cardiologico, e ha il tampone positivo per SARS-CoV-2 senza alcun segno di infezione”. Lo scrive su Facebook il direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti.

LEGGI ANCHE: Bassetti: “In terapia intensiva solo non vaccinati”

“Vale lo stesso concetto in terapia intensiva- prosegue Bassetti- bisogna contare soltanto quei pazienti che sono attualmente positivi e con una polmonite e non chi è in terapia intensiva da mesi e già con negatività al virus. Solo così potremo misurare la vera pressione attuale del Covid sugli ospedali”. Secondo Bassetti, invece, oggi si fa solo un “gran minestrone che non serve a nessuno, anche perché su questi numeri si deciderà il colore delle regioni da settembre. Occorre cambiare le regole della conta oggi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Bassetti: “Il minestrone di casi Covid non serve, bisogna cambiare le regole dei conteggi” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

fonte notizia:: https://www.ragionierieprevidenza.it/?p=35265